Tutte le risposte di secchiolone

Quali sono i vincoli e le procedure necessarie per quotare un'azienda in borsa?

Ciao Bigbon, per ottenere l’ammissione alla quotazione in Borsa in Italia, una società deve provvedere ai seguenti adempimenti fondamentali:

--- Nominare uno sponsor scelto tra banche e intermediari finanziari iscritti nell’elenco speciale di cui all’articolo 107 del T.U. bancario.

--- Convocare un’assemblea ordinaria dei soci per deliberare la richiesta di ammissione alla quotazione ed il conferimento dell’incarico di revisione contabile e di certificazione del bilancio ad una società di revisione iscritta all’albo Consob.

--- Predisporre il prospetto informativo per la quotazione e il collocamento da presentare alla Consob per l’ottenimento del nulla osta insieme alla domanda d’ammissione alla quotazione ufficiale alla Borsa Italiana

--- Predisporre i certificati rappresentativi delle azioni e stipulare con la Monte Titoli S.p.A. la convenzione per la gestione accentrata delle azioni di cui è richiesta la quotazione.

Se ti occorre sapere altri dettagli ... chiedi pure!

le principali differenze tra dante e ariosto!!!!! vi prego è urgente

Ciao Valentina,

E' difficile impostare un confronto generico tra due autori senza essere troppo semplicistici ma in sintesi direi questo:

--- Dante vive nel Trecento e il suo mondo è quello dell'Italia dei Comuni e della lotta tra Papato e Impero. Egli è immerso nella vita politica del suo tempo, e il suo universo culturale è quello della teologia scolastica. Ariosto invece vive nell'Italia cinquecentesca delle Signorie e rappresenta la figura di intellettuale rinascimentale. I suoi punti di riferimento culturale sono il neoplatonismo e il classicismo.

--- La Divina Commedia è un poema allegorico che descrive l'itinerario dell'uomo verso la visione trascendente di Dio e affronta in maniera anche dottrinale i grandi temi della salvezza, del rapporto tra ragione e fede, tra potere spirituale e temporale. Nell'Orlando Furioso arriva a compimento la crisi del trascendente; l’opera è espressione totale dell’immanenza (di passioni e sentimenti umani)

--- Al centro dell'opera di entrambi gli autori c'è l'Amore. In Dante però il vero amore è quello puro che conduce a Dio. In Ariosto invece è intimamente sensuale e può portare alla follia.

Differenza tra MONDO ARISTOTELICO e MONDO PLATONICO?

Ciao Chiunque, per Platone ciò che esiste è diviso in due mondi:

--- Il mondo delle idee, perfette, immutabile, trascendente ed eterno. Il mondo delle idee è dislocato nell'Iperuranio posto oltre il cielo visibile agli uomini.

--- Il mondo della materia, corruttibile e diveniente che costituisce il mondo sensibile abitato dagli uomini. Il mondo sensibile è una derivazione imperfetta del mondo ideale.

Da ciò deriva il concetto base della filosofia platonica che la vera conoscenza è la conoscenza delle idee.

Aristotele invece ha un concetto di mondo focalizzato sull'immanente (la realtà sensibile trova in sé la propria giustifazione) e orizzontale (si concetra maggiormente sulla vasità del mondo fisico-materiale). Non c'è aspetto del mondo fisico che non valga la pena di essere studiato e che non sia portatore di conoscenza vera.

Spero di aver risposto alla tua domanda ma se non è così ... chiedi ancora!

Mi spiegate il concetto di tempo in Agostino?

Non è facile ma provo a spiegartelo in sintesi:

Il primo concetto fondamentale è che secondo Agostino il tempo è stato creato da Dio con il mondo. Il tempo trova quindi significato solamente rispecchiandosi nella materia, e viceversa. Dio, essendo eterno, abita il suo eterno presente e non è soggetto ad alcuna temporalità, in quanto si trova al di là della temporalità da Egli stesso creata. Il tempo infatti ha avuto inizio con la Creazione e terminerà con il Giudizio Universale

Il secondo concetto di base riguarda il modo in cui gli uomini percepiscono il tempo e la negazione della oggettività della triplice dimensione del tempo come passato-presente-futuro. In realtà il tempo è un perenne presente perchè il passato e il futuro non sono altro che proiezioni dell'animo umano. L'uomo infatti vive il passato come ricordo e il futuro come anticipazione. Di conseguenza, le tre dimensioni temporali dell'uomo sono la memoria (il presente del passato), intuito (il presente del presente) e anticipazione (il presente del futuro).

* MIGLIOR RISPOSTA *

Qualcuno saprebbe spiegarmi che cosa intende Aristotele col termine Entelechia?

La parola Entelechia è un composto formato da eichein ("avere"), en- ("in") telos ("compimento").

Nella filosofia di Aristotele rappresenta la caratteristica degli enti perfettamente in atto di avere ogni propria potenzialità espressa nel proprio essere.

Quale opera inizia con questo verso: "Humano capiti ceruicem pictor equinam"?

E' l'Ars Poetica di Orazio che comincia con questo famoso verso.

Significa: "Se abbozzando una testa umana il pittore volesse unirla a un collo di cavallo ..."

Ciao!!!

ASKuola non valuta nè garantisce l'accuratezza dei contenuti inviati dagli utenti. Leggi le Condizioni di Utilizzo del Servizio

.