La domanda

1
marina

Riassunto del canto diciassettesimo dell'Inferno della Commedia di Dante quello di Brunetto Latini this question feed

Inviata da marina on 02 settembre 2013 10:30
marina

Richiamato dalla corda lanciata da Virgilio, dall’abisso emerge Gerione, mostro alato con coda di serpente, volto umano e corpo variopinto come un tappeto.

Gerione si posa sull’orlo roccioso del burrone, a poca distanza da Dante e Virgilio, che si mettono in cammino sul bordo del baratro per raggiungerlo.

Fatti pochi passi i due scorgono il terzo gruppo di peccatori puniti sul sabbione: sono gli usurai, violenti contro la natura e l’arte umana, rannicchiati come cani sulla sabbia, sfigurati e irriconoscibili nel volto, ma individuati da un sacchetto appeso al collo sul quale è dipinto lo stemma familiare di ciascun dannato.

Dante non può riconoscere nessun usuraio, tanto questi sono deturpati dalla pioggia infuocata e resi simili ad animali, ma è in grado di individuare tre membri di note famiglie fiorentine e un padovano.

Quindi Dante raggiunge Virgilio che è già in groppa a Gerione, e non senza timore sale anch’egli sull’animale, che si leva in volo scendendo nel baratro con larghi giri, fino a posarsi sul fondo dove lascia scendere i passeggeri per poi ripartire veloce come una freccia.

02 settembre 2013 11:52
Voto positivo
0%
Voto negativo
0%

ASKuola non valuta nè garantisce l'accuratezza dei contenuti inviati dagli utenti. Leggi le Condizioni di Utilizzo del Servizio

.