Debby

Debby
Domande postate4
Risposte date4
Punteggio totale 21
Migliori Risposte0
Voti ricevuti per le domande13
Voti positivi per le risposte0
Voti negativi per le risposte0

Ultime domande

Ultime risposte

rette complanari

Due rette nello spazio possono essere:

Complanari se esiste un piano che le contiene entrambe. In questo caso, sono incidenti se si intersecano e parallele altrimenti.

Sghembe se non sono contenute in un piano comune, e di conseguenza non hanno punti in comune né sono parallele.

Date due rette sghembe, per ognuna di esse passa un unico piano parallelo all'altra retta. La distanza tra questi due piani equivale alla distanza tra le due rette.

La RETTA è costituita da un insieme infinito di PUNTI

SPERO DI ESSERTI STATA UTILE =) PS: PER MAGGIORI INFORMAZIONI, PIù DETTAGLIATE, PUOI VISITARE ANCHE IL SITO CHE TI DO DI SEGUITO: http://www.brigantaggio.net/bosco/CLASSE_1/Triangoli/sito/glossario/rette/prima.htm

BUONA FORTUNA=)UN BACIO CIAOOOOO =) =) =) =)

Come si può definire lo Stato Liberale?

Appunti Medie Appunti Superiori Appunti Università Temi & Saggi Versioni Latino Versioni Greco Dante Manzoni Riassunti libri Sei in: Superiori / Appunti / Diritto Stato liberale Appunto di Diritto che descrive quali siano le principali caratteristiche dello Stato liberale e sua definizione. Tweet Lo Stato Liberale Lo stato liberale ha origine nel 17 secolo in Inghilterra e si è esteso in molti altri paesi europei ed extra - europei. Tale forma di stato è espressione del principio del liberalismo, secondo il quale ci deve essere una illimitata ingerenza delle pubbliche autorità nelle libere attività dei cittadini, si pensa cioè che i cittadini siano capaci di autodeterminare liberamente le loro modalità di vita. Lo stato viene definito come stato minimo perché i suoi compiti devono limitarsi all’ordine pubblico, alla difesa dalle aggressioni esterne e ad una ristretta serie di interventi nel campo delle opere pubbliche; si usa anche l’immagine di stato guardiano notturno per indicare che è sufficiente che esso protegga di notte le case e le banche dai furti dei ladri, mentre il modo migliore per realizzare le altre funzioni sociali è quello di affidarle alla libera iniziativa dei privati. I principi giuridici fondamentali dello stato liberale consistono nella tutela delle libertà individuali di opinione, di pensiero e di azione. I diritti sono considerati come diritti negativi nel senso che gli uomini hanno diritto di non essere ostacolati dai pubblici poteri nell’esercizio delle proprie libertà. Lo stato, in tale contesto, deve astenersi dall’intervenire in modo troppo ingerente nelle attività dei privati. Il principio di uguaglianza è concepito come uguale trattamento dei cittadini di fronte alla legge: è questa l’eguaglianza formale, questo lo dice la nostra costituzione all’articolo 3! In campo economico si afferma la teoria del liberalismo, questa teoria è affermata da Adam Smith secondo il quale valgono i principi della mano invisibile e del lascia fare portati avanti dagli economisti classici, cioè lo stato deve limitarsi alle opere pubbliche o in parte, e far sì che non ci siano imprese troppo potenti da schiacciare le più piccole.

SPERO CHE SIA DI TUO GRADIMENTO... IO CE L'HO MESSA DAVVERO TUTTA! CIAO CIAO

Mi spiegate con qualche esempio come si trova la radice e la desinenza di un verbo?

in poche parole: se hai una parola tipo DORMIVANO trasformiamo il verbo all'infinito -> DORMIRE, togliamo -are, -ere o -ire (in questo caso -ire) e otteniamo DORM che è la radice e IVANO (che è la parte restante) è la desinenza!

oppure GIOCO-> radice: GIOC, desinenza: -O e via dicendo.

spero di esserti stata utile e che tu abbia capito anche perché te l'ho spigato in parole moolto semplici! =) ciaooo ciaooo e buon lavoro =)

Che cosa dice il teorema del second best?

in parole povere è il: Teorema dell’economia del benessere applicato alle situazioni in cui non si realizzano tutte le condizioni (almeno una di esse rimane insoddisfatta) che garantiscono l’ottimo assoluto in senso paretiano. In tali casi la situazione preferibile che può essere raggiunta viene detta subottimale (second best). Tale formulazione, elaborata (1956) da K. Lancaster e R.G. Lipsey, ha trovato applicazione soprattutto nell’ambito del commercio internazionale in cui, per es., l’introduzione di dazi in una unione doganale rappresenta un second best rispetto a una piena liberalizzazione degli scambi.

ASKuola non valuta nè garantisce l'accuratezza dei contenuti inviati dagli utenti. Leggi le Condizioni di Utilizzo del Servizio

.